logo

Richiedi Informazioni

Nome*

E-mail*

Telefono

Azienda

Messaggio*

NOVITÀ SUI GESTIONALI PER LA FATTURAZIONE ELETTRONICA

NOVITÀ SUI GESTIONALI PER LA FATTURAZIONE ELETTRONICA

La nuova versione 3.31.04 pubblicata oggi, introduce diverse importanti modifiche al gestionale per la fatturazione elettronica.

Per continuare ad utilizzare correttamente la fatturazione elettronica bisogna obbligatoriamente configurare i nuovi parametri.

  • Regime fiscale sul tipo documento: Se la fatturazione di una tipologia di documento ha un regime fiscale diverso da quello inserito nella “Gestione Aziende”, configurare questo campo.
  • Possibilità di non creare fatture elettroniche per le tipologie di documento desiderate.
  • Natura sulle tipologie IVA: Quando l’aliquota è uguale a 0, è obbligatorio indicare la motivazione nel campo natura. Se non verrà indicato nulla verrà utilizzato il codice N3.
    Di seguito un elenco delle nature disponibili con relativi codici:
    – N1          escluse ex art.15
    – N2          non soggette
    – N3          non imponibili
    – N4          esenti
    – N5          regime del margine
    – N6          inversione contabile (per le operazioni in reverse charge), ovvero nei casi di autofatturazione per acquisti extra UE di servizi ovvero per importazioni di beni nei soli casi previsti)
    – N7          IVA assolta in altro stato UE (vendite a distanza ex art. 40 commi 3 e 4 e art. 41 comma 1 lett. b, DL331/93; prestazione di servizi di telecomunicazioni, tele-radiodiffusione ed elettronici ex art. 7-sexies lett. f, g, DPR 633/72 e art. 74-sexies, DPR 633/72)
  • Scelta se includere Anno nel numero fattura: Nei parametri è possibile scegliere se esportare la fattura con Anno e Numero (es. 20191 per la fattura n. 1 del 2019) o solo con il Numero (es. 1 per la fattura n. 1).
  • Pubblica Amministrazione: Nei documenti aperti su un ente della Pubblica Amministrazione sono stati aggiornati le descrizioni di alcuni campi, quali:
    – Codice Identificativo Gara (CIG): Testata del documento -> Codice CIG.
    – Identificativo ordine di acquisto: Altri Dati -> N. Ordine MEPA (di solito il N. ordine MEPA).
    – Data ordine di acquisto: Altri Dati -> Data Ordine MEPA.
    – Riferimento amministrativo:  Testata del documento -> Rif. Amm.
    – Numero determina, Data determina, Numero CUP: Scriverli nel campo note delle righe.